Trigger point: Cosa sono e come possono essere curati velocemente.

Vuoi sapere cosa sono i trigger point e come curarli ? 

I trigger point, sono piccoli nodi che si formano nei muscoli quando sono sovraccarichi o feriti.

  1. Definizione: I trigger point sono piccole aree di tensione muscolare localizzate, spesso palpabili come noduli o grumi, che possono causare dolore riferito o disfunzioni muscolari. Questi punti sensibili possono essere attivati da fattori come lo stress, l’eccessiva attività fisica o lesioni.

  2. Manifestazioni cliniche: I pazienti con trigger point possono sperimentare dolore locale o diffuso, rigidità muscolare, limitazione dei movimenti e talvolta anche sintomi come mal di testa, dolore radicolare o disturbi del sonno. Il dolore può essere descritto come acuto, urente o dolorante.

  3. Cause e fattori di rischio: Le cause esatte dei trigger point non sono del tutto comprese, ma si ritiene che possano essere legate a vari fattori, tra cui posture scorrette, sovraccarico muscolare, inattività, stress emotivo e lesioni muscolari. Alcuni pazienti possono essere più predisposti a sviluppare trigger point a causa di fattori genetici o condizioni mediche preesistenti.

  4. Approcci terapeutici: Il trattamento dei trigger point può includere terapie manuali come la terapia del punto di pressione, il massaggio miofasciale o l’agopuntura, oltre a esercizi di stretching e rafforzamento muscolare. Altri approcci terapeutici possono comprendere l’uso di tecniche di rilassamento, terapia fisica, farmaci analgesici o iniezioni locali di anestetici o steroidi.

Possono causare dolore in altre parti del corpo, poiché il muscolo può contrarsi e esercitare pressione sui nervi. I punti trigger sono spesso causati da stress, cattiva postura o movimenti ripetitivi.😎

l trattamento dei Trigger Point Miofasciali, conosciuto anche come “Trigger Point Therapy”, prevede il trattamento dei Trigger Point Miofasciali (MTrP) che si ritrovano nei muscoli e nella fascia. I MTrP sono aree del muscolo tese e dolorose.

I MTrP possono interessare sia il muscolo che la fascia. I MTrP possono trovarsi in qualsiasi distretto corporeo e costituiscono una delle cause pià comuni di dolore muscoloscheletrico cronico, descritto anche come Dolore Miofasciale.

Un Terapista Trigger Point Certificato è in grado di indurre il rilassamento di queste aree tese e dolorose, fino alla risoluzione dei sintomi a lungo termine. 😃

Esistono due principali modalità di trattamento per i MTrP, il trattamento manuale e il dry neddling che in italia può venire erogato solo dai medici specializzati.

Per informazioni e domande contattami pure via whaztapp

Definizione di Trigger Point Miofasciale

Clinicamente i Trigger Point Miofasciali indicano una condizione dolorosa patologica dei muscoli scheletrici.

Consistono in un cambiamento su scala microscopica delle fibre muscolari, che si accorciano e permangono in stato di contrazione.

Tra le cause più probabili di questa condizione un sovraccarico muscolare o un “carico muscolare scorretto”.

Una delle teorie più condivise sui Trigger Point identifica nella compromissione dell’approvvigionamento di ossigeno e nutrienti del muscolo la causa di una contrazione muscolare protratta nel tempo e incapace di risolversi.

https://www.amazon.it/Trigger-point-Tecniche-trattamento-Niel-Asher/dp/8870515621/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&crid=3FK8Z4FQRVPVV&keywords=Come+trattare+i+trigger+point&qid=1669047478&qu=eyJxc2MiOiIwLjE3IiwicXNhIjoiMC4wMCIsInFzcCI6IjAuMDAifQ%3D%3D&sprefix=come+trattare+i+trigger+point+%2Caps%2C135&sr=8-1

Se ti interessa il libro clicca qui sotto

Tipologie e fattori scatenanti

I punti trigger sono classificati in due categorie: punti trigger miofasciali e punti trigger attivi.

I punti trigger miofasciali sono punti nel muscolo che sono dolorosi al tatto.

I punti trigger attivi sono punti che causano dolore in altre parti del corpo. I punti di innesco attivi sono noti anche come punti di innesco satellitari.😊

I punti trigger sono aree sensibili del muscolo che sono spesso associate a dolore, rigidità e affaticamento.

Sono spesso il risultato di un uso eccessivo dei muscoli o di lesioni. I trigger più comuni per i punti trigger sono:

1) Uso eccessivo dei muscoli – Questo può essere dovuto a movimenti ripetitivi o all’esercizio fisico troppo intenso.

2) Infortunio – Questo può essere da una caduta, incidente d’auto, o altro evento traumatico.

3) Postura scadente – Questo può causare la tensione muscolare e portare a punti di innesco.

4) Stress – Questo può portare a tensione muscolare e punti trigger.

https://www.amazon.it/Pronto-Soccorso-mal-schiena-velocemente-ebook/dp/B098419KY6/ref=tmm_kin_swatch_0?_encoding=UTF8&qid=1669044995&sr=8-5

Trattamento personalizzato dei trigger point

I punti trigger sono aree specifiche e localizzate di dolorabilità e dolore muscolare.

Sono causati da un uso eccessivo dei muscoli, lesioni o stress e possono portare a dolore e disfunzione in tutto il corpo.

Un piano di trattamento personalizzato del punto trigger può aiutare a ridurre il dolore e ripristinare la funzione. Il trattamento può includere terapia manuale, stretching ed esercizi.😎

Dolore e Trigger Point Miofasciali

Come accennato precedentemente, i Trigger Point Miofasciali costituiscono una delle cause più frequenti di dolore muscoloscheletrico cronico, ciò nonostante per lungo tempo non sono stati considerati come un target d’interesse nella gestione del dolore.

In parte ciò può essere stato dovuto al fatto che alcuni Trigger Point non risultano particolarmente dolorosi alla pressione e provocano esclusivamente un dolore riferito altrove, in un’area adiacente.

Occorre invece considerare che l’area in cui si manifesta il dolore e quella da cui esso ha origine possono non coincidere; ad esempio alcune forme di lombalgia sono provocate dalla presenza di Trigger Point nei muscoli addominali, e alcuni tipi di mal di testa sono provocati dalla presenza di Trigger Point nella muscolatura del collo. Il dolore riferito rappresenta uno dei tratti caratteristici dei Trigger Point.

Il fatto che la loro stimolazione possa provocare un dolore riferito in un’area ad essi adiacente rappresenta il motivo per cui questi punti vengono definiti “punti trigger”.😃😃

Caratteristiche diagnostiche dei Trigger Point Miofasciali

In letteratura si ritrovano quattro principali criteri diagnostici per i Trigger point Miofasciali.

Maggiore è il numero dei criteri che risultano positivi, più precisa sarà la diagnosi dei MTrP.

      • una bandelletta tesa (un fascio di fibre muscolari contratte) all’interno del muscolo

      • un’area dolente alla pressione all’interno della bandelletta tesa

      • la comparsa di dolore riferito

      • un segno di sussulto in seguito alla stimolazione meccanica del Trigger

    Quando la diagnosi viene effettuata da terapisti esperti, la ripetibilità del ritrovamento dei Trigger Point utilizzando questi criteri diagnostici è elevata.

    Ciò significa che i Trigger Point possono essere diagnosticati in maniera ripetibile.

    Dove si possono sviluppare e come si identificano

    I punti trigger possono svilupparsi in qualsiasi muscolo del corpo. Spesso sono causati da un uso eccessivo o da movimenti ripetitivi.

    Una cattiva postura può anche portare allo sviluppo di punti trigger.

    I punti trigger sono aree specifiche e sensibili del corpo che possono causare dolore quando viene applicata la pressione.

    Sono spesso il risultato di tensione muscolare o nodi che si formano nel muscolo. I punti di innesco possono essere identificati localizzando le aree di disagio e quindi applicando pressione all’area fino a quando il disagio si attenua.

    Se il disagio ritorna quando la pressione viene rilasciata, l’area è probabilmente un punto di innesco.

    Perchè spesso i medici trascurano i trigger point ?

    I punti trigger sono spesso sottovalutati dai medici perché non sempre sono visibili o rilevabili.

    Tuttavia, i punti trigger possono causare molto dolore e disagio e possono portare ad altri problemi di salute se non trattati.

    I punti trigger possono essere trattati con massaggi, agopuntura o altre terapie e possono contribuire a migliorare la salute e il benessere generale.👀👀👀

    Dolore mio fasciale e fibromialgia

    La fascia è un tessuto connettivo che circonda e sostiene i muscoli.

    Quando questo tessuto diventa infiammato o irritato, si può verificare dolore fasciale.

    Questo tipo di dolore è tipicamente descritto come una sensazione noiosa e dolorosa che può essere localizzata in qualsiasi parte del corpo.

    La causa del dolore fasciale è spesso difficile da determinare, ma può essere correlata a un uso eccessivo, lesioni o infezioni.

    Il trattamento tipicamente include riposo, ghiaccio e farmaci e può anche includere terapia fisica o chirurgia.

    Se avvertite dolore fasciale, assicuratevi di parlare con il vostro medico per determinare il miglior corso del trattamento.🤣🤣

    La fibromialgia è una condizione caratterizzata da dolore muscoloscheletrico diffuso, affaticamento e dolorabilità nelle aree localizzate chiamate punti dolenti.

    La fibromialgia è un disturbo relativamente comune, che colpisce circa il 2% della popolazione.

    La causa della fibromialgia è sconosciuta, ma si ritiene che sia correlata ad anomalie nel modo in cui il cervello e il sistema nervoso elaborano i segnali di dolore.

    La fibromialgia è trattata con una varietà di farmaci e terapie, ma non c’è cura.

    Il dolore mio fasciale può dare origini a dolori poco comuni ?

    Sì, è possibile che il dolore fasciale dia origine a disturbi non comuni.

    Infatti, il dolore fasciale è spesso la causa principale di condizioni come la sindrome del tunnel carpale e il gomito del tennista.

    Questo perché la fascia può diventare stretta e ristretta, portando a dolore e infiammazione. Se non curato, il dolore fasciale può anche portare a condizioni più gravi come l’artrite reumatoide.

    Come si diventa professionisti specializzati in questo trattamento

    I punti di innesco sono piccoli nodi che si formano nei muscoli quando sono eccessivamente utilizzati o feriti.

    Questi nodi possono causare dolore e rigidità nel muscolo e possono riferire dolore ad altre parti del corpo. Un professionista specializzato in trigger point si “>chiama trigger point therapist.

    Ci sono diversi modi per diventare un terapeuta trigger point. Un modo è quello di ottenere la certificazione dal National Certification Board for Therapeutic Massage and Bodywork. Per ottenere la certificazione, è necessario completare un corso di terapia trigger point e superare un esame.

    Un altro modo per diventare un terapista del punto di innesco è quello di ottenere la certificazione dalla Therapy Association. Per ottenere la certificazione, è necessario completare un corso di terapia trigger point e superare un esame.😉😉😉

    Facebook
    Twitter
    LinkedIn

    Approfondisci

    Articoli correlati

    Open chat
    Chiamami al 3384090012 oppure inviami un messaggio su whatzapp